Grafiche e idee per email marketing 

Intrattieni una conversazione proficua con il tuo pubblico

Data

Ti stai perdendo davvero molto a non utilizzare ancora il potere di newsletter e DEM, e soprattutto a non curarne la parte grafica: ti spiego perché.

Ti stai perdendo davvero molto a non utilizzare ancora il potere di newsletter e DEM: questi sono due strumenti efficacissimi a sostegno del tuo business in grado di lavorare per te, donare valore e convertire.

Vediamoli in dettaglio.

Perché fare email marketing

Spesso si sente dire che la newsletter, oppure le email di vendita, sono uno strumento ormai desueto. Penso non ci sia nulla di più sbagliato in questo!

Possedere una lista contatti, con nomi, cognomi, indirizzo email è ciò che di più prezioso il tuo business possa avere, poiché questi non sono vincolati ad altre piattaforme, come nel caso dei social media.  L’email marketing ti consente di intrattenere una conversazione epistolare con il tuo pubblico in modo diretto, fornendo loro approfondimenti, offerte speciali, richieste di feedback, aggiornamenti sul blog e così via.

Newsletter e DEM

Ci sono due tipologie di contenuto che puoi inviare alla tua lista di iscritti: newsletter e DEM. Ma quale scegliere? Ovviamente dipende dalla strategia che hai scelto, e da caso a caso, perché le differenze sono abissali. Ti spiego le definizioni di entrambe:

Newsletter

Un testo inviato via email caratterizzato da un contenuto informativo creato per mantenere un legame con il pubblico, aumentare il valore percepito del brand, creare un bisogno nel lettore. Può portare con sé freebie, approfondimenti, tutorial, aggiornamenti.

DEM

Ovvero Direct Email Marketing, è una email di vendita fatta attraverso una strategia di informazione e coltivazione dell’interesse del pubblico resa dalla newsletter, a cui la DEM aggiunge una proposta commerciale. Le DEM hanno un pubblico ben definito all’interno della lista dei contatti e obiettivi di vendita precisi. Al contrario della newsletter non hanno una regolarità fissa.

Newsletter e DEM fanno parte di quell’ecosistema che è la comunicazione digitale e l’inbound marketing, regolati sui bisogni e valori del brand dal piano e dai calendari editoriali e attuati per raggiungere persone che abbiano bisogno dei tuoi prodotti o servizi. Si inviano per raggiungere specifici obiettivi, come acquisire contatti, nuovi iscritti ai nostri corsi, nuovi clienti per servizi e prodotti.

È uno strumento versatile che porta moltissimi benefici, tra i quali essere presente con la nostra immagine e stile visivo non solo sui social media ma anche nella casella di posta dei nostri potenziali clienti, con contenuti di qualità, aggiornamenti e proposte in linea con i bisogni del target,

Lead generation: come iniziare ad acquisire iscritti

Per iniziare a fare email marketing devi avere una lista di persone a cui inviare le tue email, qualsiasi esse siano.

Generare iscrizioni e contatti per la tua lista è un lavoro di cura amorevole che necessita tempo e impegno. Non c’è email marketing senza contatti, o no? 

Puoi ad esempio iniziare dai tuoi clienti del passato, inviando loro una email ciascuno in cui spieghi che, ad esempio, dal prossimo mese inizierai a mandare una newsletter il giorno 15 e invitandoli a iscriversi, magari offrendo loro un freebie o un piccolo omaggio. È fondamentale che siano loro a compilare il form di iscrizione e accettare la privacy policy: inserire contatti in una mailing list senza il consenso è illegale, oltre che scorretto. 

Per cercare nuovi iscritti è necessario invece mettersi in gioco fin da subito. Ecco che entrano in gioco i lead magnet: questi sono contenuti gratuiti che attraggono e convincono l’utente a lasciarci il suo indirizzo email: in cambio dell’iscrizione la persona riceve il contenuto gratuitamente. Qualsiasi sia la piattaforma che sceglierai, da Mailchimp a Sendinblue, puoi creare un’automazione, impostando una serie di email che arrivino al tuo utente in automatico dopo l’iscrizione.

I lead magnet più usati, che puoi utilizzare anche tu da ora, sono:

  • Check-list, ovvero liste pratiche e linee guida da seguire per raggiungere un obiettivo specifico; es. i dieci punti fondamentali per avere un profilo Instagram funzionale
  • Template: dei modelli da utilizzare, come grafiche o documenti di controllo; es. Foglio di calcolo per freelance: come non farti sorprendere più dalle tasse
  • Toolkit: elenco di strumenti utili ad una determinata nicchia, da proporre anche in affiliazione; es. 5 app per il fotoritocco che non conosci.
  • Call gratuita o report: in questo caso ti metti a disposizione gratuitamente per far capire al cliente quali sono i suoi problemi e come puoi risolverli. Può essere utile in caso di servizi high ticket dato l’impegno richiesto; es. Ricevi un audit SEO per il tuo e-commerce!
  • Ebook o guide: l’idea più semplice ed efficace; es. Impara le basi della cucina vegana in 30 semplici ricette.
  • Eventi: organizza un evento utile il cui invito o dettagli verranno inviati solo tramite la tua newsletter;
  • Webinar: una videolezione o tutorial su un argomento specifico;
  • Buono sconto: su un prodotto specifico 
  • Corso via email: in questo caso gli utenti riceveranno una serie di email automatiche con dei contenuti specifici a scopo formativo.

 

Non solo generare contatti, ma anche nutrirli e coccolarli: fare lead nurturing vuol dire coltivare i nostri iscritti, potenziali clienti, con contenuti utili, originali, esclusivi, coordinati al piano e ai calendari editoriali del brand.

Grafica per Email Marketing

Qualsiasi sia l’obiettivo della tua campagna, ogni email deve essere curata nella grafica e in ogni suo dettaglio. Una newsletter efficace possiede un mix di design, originalità, creatività, anima e cuore.

Ci sono moltissimi particolari a cui puoi fare caso come:

  • Grafica d’intestazione
  • Campi personalizzati
  • Impaginazione e formattazione
  • Foto nel testo
  • Identità visiva
  • CTA

Per velocizzare questo procedimento, qualsiasi piattaforma ti consente di salvare un template personalizzato con le tue scelte stilistiche da riutilizzare, in modo che visivamente le tue email siano riconoscibili ad un primo sguardo nella casella di posta.

Puoi anche scegliere dei modelli già pronti, anche se ti consiglio di crearne di personalizzati da zero, unici come te.

Utilizzare la comunicazione visiva e lo storytelling nell’email marketing è fondamentale per agganciare l’utente e convertirlo in cliente o in affezionato lettore.

Inizia ora a personalizzare le tue newsletter

scarica la tua guida di email design

+ BONUS: come impostare la tua sequenza di benvenuto

leggi ancora